Stati Generali della Via Francigena a Monteriggioni (SI)

22 ottobre 2015 - A Monteriggioni (SI) si sono tenuti gli Stati Generali della Via Francigena, organizzati nell’ambito dello Slow Travel Fest da SloWays, con le partnership di: Associazione Europea delle Vie Francigene (réseau porteur della Via Francigena per il Consiglio d’Europa), del Touring Club Italiano, e con la collaborazione di Regione Toscana, Toscana Promozione, Comune di Monteriggioni.

A distanza di giorni facciamo alcune considerazioni, sulle risultanze dei sondaggi realizzati, riguardo le priorità della Via Francigena, le slide che hanno rappresentato il lavoro congiunto di AEVF e TCI e quanto di propositivo è scaturito dall'evento a Monteriggioni.
L'attrattiva della Via Francigena è per il 14% religiosa e spirituale, mentre la motivazione turistica e culturale arriva quasi al 40%. La ricettività è fortemente orientata su strutture extralberghiere e di enti ecclesiastici, ma ciò comporta carenze di servizi aggiuntivi. Tra questi per la Via Francigena sono decisivi i servizi di informazione "multicanale" in forma cartacea, sul web, con GPS e con applicazioni mobile.
Confortante per le no-profit come noi la valutazione che del volontariato non si può fare a meno, ma siamo consapevoli che anche per noi valgono le indicazioni generali: soddisfare esigenze diversificate, offrire servizi aggiuntivi, fare rete, migliorare su tutto.

Da slide di AEVF, risultato del sondaggio on line

I viandanti, le associazioni, gli operatori sono stati invitati a fornire un piccolo contributo per migliorare la Via Francigena. Un modulo con alcune brevi e semplici domande per aiutarci a identificare le priorità di intervento sul percorso, e a raccogliere idee e stimoli dai viaggiatori, sotto l'immagine della diapositiva con le risposte sulle priorità.
Clic qui per la presentazione di AEVF con i risultati del sondaggio 

Onlus Ad Duas Lauros - Fare rete, offrire servizi, utilizzare risorse no-profit

Questo vale particolarmente, anzi drammaticamente, a Roma dove il mondo del no-profit opera in un contesto di Istituzioni, di Enti locali, di Stato e di politica (qui volutamente in minuscolo) inadeguato, indifferente, si direbbe addirittura ostile rispetto alla proposta di un nuovo modello di sviluppo del turismo, della cultura e del territorio. Sono anche questi i motivi di fondo per cui Roma vive una fase di rissa istituzionale e politica, di inadeguatezza della viabilità, infrastrutture e servizi pubblici essenziali, mentre ormai incombe l'impatto di 20 o 30 milioni di visitatori previsti per il Giubileo.
Nonostante tutto ciò, possono essere date alcune indicazioni positive, un contributo della Onlus Ad Duas Lauros e del nostro territorio a Roma Sud Est, agli Stati Generali della Via Francigena a cui per motivi veramente banali non ci è stato possibile partecipare.

Atto di indirizo MIBACT per il triennio 2016 - 2018

Il MIBACT ha da pochi giorni emanato il suo "Atto di indirizzo concernente l'individuazione delle priorità politiche da realizzarsi nel triennio 2016-2018", nel quale tra le priorità di maggiore interesse segnaliamo quanto è nell'immagine sopra, tratta dal documento Mibact.
Vengono stabilite importanti direttrici come la partecipazione di associazioni, fondazioni (il no-profit) alla gestione e valorizzazione dei beni culturali; sviluppo di tecnologie avanzate per la fruizione del patrimonio; potenziare i sistemi informativi; digitalizzazione del patrimonio; itinerai diffusi alternativi; itinerari cultuirali-religiosi e storici.
In questo ultimo aspetto il Municipio Roma V è una vera miniera non sfruttata, quanto agli altri indirizzi, sono in perfetta aderenza alle linee programmatiche nel V Municipio di Roma.
Clic qui per il documento integrale del MIBACT    

Carta dei Valori Municipali Municipio Roma V 

Svilupppo offerta turistica Municipio V di Roma, nella grafica viola tratteggiato l'itinerario della Via Francigena nel Sud, gli altri elementi rappresentano i servizi e la ricettività. Clic su immagine per ingrandire

Nel  Municipio Roma V, è condivisa fra cittadinanza e l'Amministrazione Capitolina, una Carta dei Valori che ha tra le priorità:
sviluppare l'offerta turistica > strategie di marketing territoriale > costruzione di un'offerta ricettiva diffusa > connettere spazi pubblici e persone > mobilità "dolce"
come meglio visibile nel documento al link che segue della Conferenza Urbanistica Municipale del Municipio V del territorio con gli itinerari locali della Via Francigena nel Sud, i percorsi ciclo-pedonali e programmi di ricettività turistica locale.
Documento integrale "Carta dei valori" del Municipio Roma V (scaricarlo per visializzare)

Le conclusioni che condividiamo con AEVF 

- è viva e attuale una programmazione istituzionale che persegue gli stessi obiettivi e pianificazioni di AEVF
- in tale programmazione ci sono insistiti riferimenti all'accoglienza, ai servizi aggiuntivi, alle nuove tecnologie dell'informazione e, ci si consenta, al ruolo importante del no-profit e delle associazioni.
C'è da parte di AEVF, come da parte nostra localmente, una sinergia che vuole stimolare il MIBACT e gli Enti locali, per la la concreta attuazione di queste linee programmatiche. Il suddetto Atto di Indirizzo del MIBACT può essere la linea guida del rinnovo di Accordi di Valorizzazione, e di collegate convenzioni attuative dell'Accordo, con gli Enti "di prossimità" che, come nel nostro caso il Municipio Roma V, considerano le reti della conoscenza anche tecnologiche ed il patrimonio culturale, strumenti da mettere a disposizione del pellegrinaggio.

Documenti dagli Stati Generali della Via Francigena

Comunicato di AEVF su Stati Generali della Via Francigena

Survey del Touring Club Italiano sulla Via Francugena

Documento con  grafica del sondaggio priorità per la Via Francigena